I segreti dei freni Shimano per un cambio olio e spurgo a d’opera d’arte

No, non sono impazzito, e non sto parlando di me, ma delle urla di gioia che faranno i nostri clienti che leggeranno anche questo articolo.

Se sei ancora qua, significa che già ti fidi di noi e ci segui passo dopo passo in questi articoli, dove ogni volta svelo un segreto per la manutenzione della tua bicicletta (tanto da metterti in condizione di fare quasi tutto da solo).

Oggi ti parlerò dello spurgo dei freni Shimano e dell’importanza dell’olio da usare, perché un freno che funziona bene prima di tutto ti può salvare la vita e secondo ti farà divertire, mantenendo la velocità che desideri e rallentando per la giusta traiettoria.

I freni Shimano sono tra i più diffusi ed essendo spesso montati su bici di serie sono anche tra i più conosciuti.

Con questi freni. a differenza degli altri, devi usare solo, e dico solo, olio minerale! Mi sono capitati tante volte freni da buttare, in cui hanno utilizzato dell’olio dot 4 non compatibile con gli o-ring, i quali gonfiandosi all’ interno del pompante non fanno più passare il lubruficante.

Stai attendo a non fare lo stesso errore: non buttare via soldi inutilmente! Magari contatta il tuo meccanico per alcuni consigli e se non te li darà chiama direttamente noi.

Metti pure la bici su un cavalletto o semplicemente appoggiata al muro della tua officina (ti verrà un po’ di mal di schiena nel lavorare, ma alla fine il risultato sarà lo stesso).

Per lavorare sui tuoi freni, non ti servono tanti attrezzi: l’unico indispensabile é il kit Shimano. 

È composto da una siringa completa di tubo al silicone, un raccordino conico per tenerlo fermo e un bicchierino che dovrai invitare direttamente sulla vaschetta della leva. (tutto questo lo trovi a due soldi un po’ in giro nel web)       

Prepariamoci quindi l’attrezzatura:

  • Una chiave da 7
  • Una brugola da 2,5
  • Una da 3
  • Un bicchiere di plastica

Come prima cosa dobbiamo preparare il tuo freno allo spurgo, quindi inizieremo dalla pinza sotto: girala e lasciala sempre in verticale con il raccordino di spurgo in alto, cosicché le bollicine d’aria salgano ed escano più naturalmente. Il freno anteriore é già in posizione corretta, quello posteriore va smontato e girato. Prima di togliere le vecchie pasticche, fai leva al loro interno e manda indietro e a battuta i pistoncini. Adesso le puoi togliere e inserire lo spessore giallo Shimano.

Se non lo hai, non disperare, guarda bene nella tua officina o garage che sia, basta semplicemente uno spessore preciso da un centimetro, inseriscilo dentro e semplicemente avvolgilo con un elastico o con il nastro adesivo per non farlo cadere durante l’operazione di spurgo.

In questo modo, quando avrai finito tutto il lavoro, avrai la misura esatta dei pistoncini (non a caso è come fanno la maggior parte dei meccanici), così, quando inserirai le pasticche e pinzerai, avrai la stessa durezza su entrambe le leve. Per esperienza sappi che se metti anche solo un grammo di olio in più, puoi variare moltissimo la frenata, ma seguendo i miei consigli passo dopo passo vedrai che il lavoro sarà più semplice.

Ora é il momento di posizionare la leva sopra: mettila in modo che il pompante sia orizzontale e se hai smontato tutto il freno, ricordati di lasciarlo più in alto rispetto alla pinza per facilitare l’ uscita dell’ aria che si é creata.

AL LAVOROO!!!

Visto che hai preparato tutto, passiamo al cambio olio e allo spurgo vero e proprio.

– Prepara il tuo bicchierino shimano, svita pure la vite di spurgo che trovi sopra la vaschetta del freno con la brugola da 2,5 e delicatamente invita il bicchierino.

– Metti pure circa un dito di olio minerale Shimano (il suo originale é di colore rosso, non ti far vendere altro, perché potrebbe non funzionare bene e togliere le capacità frenanti al tuo freno) e premi per 3/4 volte la leva del tuo freno, così permetterai alle bolle d’aria che si creano quando avviti il bicchierino di salire e uscire (questa operazione è fondamentale per non mandare bolle d’aria dentro l’impianto).

– È il momento di preparare anche la siringa. Riempila di circa due terzi, (la puoi fare anche piena se hai intenzione di cambiare tutto l’olio) e, facendo penetrare meno aria possibile, inseriscila nell’ apposito raccordino di spurgo della pinza. Alcune siringhe, come ti spiegavo prima, hanno anche un raccordino conico che scorre nel tubo, non é lì per caso e scommetto che, la maggior parte dei negozi in cui sei andato fino adesso, la toglieva perché dava fastidio, io invece ti spiego per bene a cosa serve.

– Dopo aver inserito il tubo nel raccordino di spurgo della pinza, fai scorrere verso il basso il raccordo conico e spingilo un pochino: terrà fermo il tubo nel raccordino di spurgo ed eviterà che, quando premi la siringa (e magari le prime volte non dosi bene la forza), esca il tubicino facendo andare tutto l’olio in giro per la tua officina.

– Togli il tappo dalla vaschetta dell’olio.

– Prendi la chiave da 7, svita sulla pinza il raccordino di spurgo di un giro, ATTENTO A QUESTA OPERAZIONE!! Prima di spingere l’olio devi tirare la siringa creando un po’ di depressione, è importante farlo perché devi togliere anche qui quella micro-bolla d’aria che si crea tra tubicino e raccordino

Te lo dico perché il problema principale dello spurgo o cambio olio, viene proprio da questo passaggio: l’aria non tolta bene viene poi introdotta dentro il tuo impianto. Non avere mai fretta di finire il tuo cambio olio o spurgo! Se hai letto con attenzione, ti avevo promesso che saresti stato in grado di farlo da solo. Ricordati di non saltare nessun passaggio: farai un lavoro migliore di quello che te lo faceva prima e i tuoi freni saranno molto più performanti.

-È ora di sostituire il vecchio olio con il nuovo. Inietta tutto quello presente nella tua siringa e vedrai che nel bicchierino fuoriuscirà tutto il vecchio.  È consigliato sostituire l’olio almeno una volta all’ anno perché se insisti a usare il freno senza farlo puoi compromettere la sua durata.

-Se é molto tempo che non lo cambi, noterai che l’olio che esce sarà nero come il carbone, segno che ormai é deteriorato. A questo punto, attento a quello che ti dirò, rimetti il tappino nel bicchierino e svitalo: devi buttare via l’olio e il bicchiere che ti avevo fatto preparare all’ inizio serve proprio a questo.

– Riavvita il bicchierino, riempilo per metà di olio.

-Adesso devi rimuovere la siringa dal suo tubicino. Posiziona il tubo in silicone dentro il bicchiere in modo che l’olio che fuoriuscirà non vada per terra. (Le prime volte, ti consiglio di farti aiutare da qualcuno)

-Inizia quindi lo spurgo seguendo questa procedura:

1) Apri il raccordo sulla pinza. (sotto)

2) Premi decisamente la leva e poi tienila premuta fino al punto tre.

3) Chiudi il raccordino sulla pinza.

4) Rilascia la leva.

Se guardi bene, durante la fase 2, noterai che l’olio uscirà dal tubicino e nella fase 4 verrà risucchiato dal bicchierino. Questa fase é tra le più importanti perché la variazione di pressione che si crea dentro il tuo impianto, ti facilita il distacco delle micro-bollicine dalle pareti e lo spurgo viene decisamente meglio.

Pensa che ti sto spiegando anche i minimi particolari di quest’operazione invece gli altri non ti dicono mai nulla a riguardo.

– Quindi ripeti: APRI, PREMI, CHIUDI, RILASCIA, diverse volte, fino a che non hai esaurito l’olio nel bicchierino. Ti assicuro che farai un ottimo lavoro.

ATTENTO però!!!  Non farti ingannare!!!  L’ aria ci mette un po’ prima di uscire completamente, quindi è normale che all’inizio sembri tutto perfetto da subito, ma invece è solo dopo una serie di cicli di spurgo che il risultato viene alla perfezione.

– Quando noti che non esce più aria il lavoro è completato. Pulisci tutta la pinza dall’ olio residuo.

– Ora passa al pompante. Dai due o tre belle pinzate, cosi favorisci l’aria a salire, inizia a battere anche il tubicino mentre premi la leva e ripeti il procedimento ruotando anche la leva sul manubrio da più inclinata verso il basso a più inclinata in alto.

-Anche qui, quando non esce più aria e la risposta della leva é sempre uguale, hai finito di spurgarlo anche sopra. Per esperienza ti dico di fare sempre molta attenzione: é meglio ripetere lo spurgo qualche volta in più che mandare a male tutto il lavoro… Metti il tappo nel bicchierino e svitalo, richiudi la vaschetta del freno con l’ apposita vite.

– È giunto il momento di togliere lo spessore giallo. Inserisci le pasticche e se lo avevi smontato, avvita il tuo freno alla bici. Se non fai bene questo lavoro il freno potrebbe diventare spugnoso, quindi magari passaci un minuto in più e centra bene le pastiglie con il disco, altrimenti l’ usura potrebbe essere immediata..

Starai già pensando di provarla, ricordati sempre il casco e le protezioni per i sentieri più difficili… Sicuramente sarai soddisfatto e allora non smettere di seguirci: presto svelerò i trucchi più importanti per la manutenzione della tua bici…

Alla prossima!!!