Cosa portarsi dietro nello zaino e non

Gara di enduro in vista? Visto il crescente interesse per questa disciplina, proviamo a rispondere ad alcune domande e curiosità.

Prima di tutto, che cos’è l’enduro? Beh scherziamo dai, si presuppone che se stai leggendo questo articolo saprai di certo di quale specialità stiamo parlando. Passiamo dunque alle vere questioni, perciò: cosa è indispensabili portarsi dietro in una gara di enduro?

Cominciamo dicendo che se pensi di prenderne nota, un post-it non basterà, giacché la lista è piuttosto sostanziosa. D’altronde non poteva che essere così, trattandosi di una disciplina così estrema ed emozionante ma altrettanto ricca d’imprevisti.

Perciò se non vuoi ritrovarti impantanato nel fango a dover fare tu da sella alla tua a Mtb, quanto segue ti servirà.

Tu vieni con me

Nulla di eccezionale fin qui, si tratta infatti dell’attrezzatura che in genere fa parte della dotazione standard di un biker di medio livello, e noi supponiamo che tu lo sia. Ovviamente se non sei da solo a partire potrai fare a metà del carico con il tuo fido compagno d’avventura e sentirti un po’ meno mulo da soma. In macchina sarete comunque belli imbottiti ma almeno avrai dimezzato le cose da procurarti e soprattutto da portarti in spalla.

Fai (o almeno provaci) da te

Sei capace di sostituire un forcellino con l’attacco del cambio? Se la risposta è no forse dovresti cambiare sport, oppure esercitarti e provare a vedere cosa succede. Ti consigliamo di provare a casa, nell’intimità del tuo garage, senza spettatori e senza fretta. Niente ansia da prestazione insomma, keep calm and  puoi farcela.

Piccola nota sulla cassetta degli attrezzi: portane una contenente quelli giusti e davvero utili  per le riparazioni su una Mtb, come ad esempio la chiave Torx T25. Avere con sé una cassetta dal contenuto sbagliato, è utile come una valigetta piena di sassi. Perciò:

– Almeno 2 copertoni
– Almeno 3 camere d’aria (due nello zaino)
– 4-5 raggi (attenzione: la lunghezza dei raggi varia fra anteriore e posteriore e lato disco oppure no, quindi occorre considerare tutte le possibili lunghezze)
– forcellino attacco cambio (da tenere nello zaino in realtà)
– nastro isolante adesivo
– fascette di plastica di varia lunghezza (zip tie)

– fil di ferro (panacea di tutti i mali)
– leva gomme
– uno spillo valvola di scorta (per chi usa il liquido sigillante nelle gomme)
– un coltellino
– olio lubrificante per catena
– pompa da officina
– catena e smagliacatena
– cassetta degli attrezzi (se non la porti tutto il resto è inutile).

Per quelli pronti a tutto 
La lista seguente vale non solo per le gare di enduro, ma in generale per  viaggi o escursioni molto impegnativi di più giorni, durante i quali può essere complicato riuscire trovare un punto di assistenza.
Questa è la lista top level insomma:

– 2-3 cavi d’acciaio per cambio, deragliatore e reggisella
– 2 metri di guaina (per cavo d’acciaio)
– pasticche freni
– una corona alternativa (specie se si ha una trasmissione 1x)
– liquido sigillante per copertoni
– grasso (per piccole e rapide lubrificazioni sul posto)
– leva freno di ricambio

– un deragliatore posteriore di scorta
– una sella (anche vecchia ed usata)
– 2 dischi
– set ruote di scorta (l’eventuale sostituzione deve essere richiesta al giudice di gara)
– reggisella tradizionale (nel caso il telescopico andasse ko)

Eccoci, lo sappiamo bene che sono un bel po’ di cose, ma come si dice meglio abbondare.