Io tu e le ruote: la prima uscita di coppia in Mtb

La prima pedalata insieme non si scorda mai, come rendere memorabile (in senso positivo) la prima uscita in Mtb con un’amica, la fidanzata o la moglie.

Si sa, avventure e grandi emozioni sono un pasto per due,  e cosa può esserci di più coinvolgente ed eccitante che montare in sella in dolce compagnia?
L’approccio alle ruote grasse però non si rivela sempre del tutto semplice. Eccoti quindi una piccola guida che ti sarà utile per evitare di rendere un  epic fail  la tua prima pedalata for two.

Vola basso, o meglio pedala facile
Per la prima volta tieniti sul semplice, soprattutto se si tratta di una tipa su cui vuoi fare colpo. Mai provato a gestire l’ansia da prestazione arrancando sui pedali  in salita? Non è il massimo, fidati, perciò almeno inizialmente cerca un percorso che sia anche offroad, ma fattibile. Evita pendenze eccessive o passaggi complicati, rischieresti di mettere in difficoltà entrambi e vi ritrovereste sopraffatti dallo sforzo fisico senza neanche riuscire a far conversazione. Ciò che più conta è studiare un tragitto che preveda bei panorami  e punti strategici d’osservazione, fa così e garantiamo che al ritorno vanterai numerosi selfies stretto a lei.

 

Un’ora di pedalata
Ricorda il più delle volte l’entusiasmo porta a sopravvalutarsi e a gestire male le proprie risorse. Pianifica un giro di breve durata così, non solo eviterai di risvegliarti con la mobilità di RoboCop il giorno dopo, ma ti rimarrà del tempo per un aperitivo serale in cui accordarsi per la prossima uscita in Mtb.

 

Pedali senza aggancio rapido
Niente pedali a sgancio per i principianti con la Mtb, rendono più insicura la guida e in generale meno piacevole la pedalata. Francamente, a meno che tu non voglia offrirle delle scenette alla Benny Hill , ti consigliamo  i flat e un paio di scarpe da running. Avrai la sensazione dei piedi liberi, è un dettaglio ma importante.

 

Piedi a posto
Se ad un primo appuntamento la raccomandazione è tenere le mani a posto, per una prima uscita in Mtb la stessa regola vale per i piedi. E già, perché essendo il piede libero di muoversi, il più delle volte ci si ritrova a pedalare con una posizione sbagliata. La regola generale è che l’articolazione del metatarso deve trovarsi sempre sulla perpendicolare con l’asse del pedale. Oltretutto se ti giochi questa frase con lei sembrerai attento e premuroso, oltre che competente. Entro la fine del giro, finirà per chiederti consiglio praticamente per qualunque cosa.

 

Pedalata agile
Come si cambia per non soffrire… cantava la Mannoia, usare il cambio in maniera corretta  infatti non è sempre cosa facile, soprattutto se sul manubrio ci si trova anche il manettino che gestisce le sospensioni o il reggisella telescopico. Niente panico però, serve solo un po’ di pazienza e attenzione affinché la pedalata di lei sia sempre agile. L’agilità, soprattutto se si è  poco allenati, è una grande risorsa.

 

L’altezza della sella
Non abbiamo certo la presunzione di metterci a spiegarti  formule e teorie, neanche fossimo degli Einstein, ma  devi sapere che è bene fare attenzione all’inclinazione della gamba quando il pedale si trova nel punto morto superiore: deve essere leggermente inclinata verso il basso. Perciò ricorda che se la sella è troppo bassa le ginocchia potrebbero risentirne, la seduta può essere eventualmente abbassata solo in discesa.

 

Le sospensioni non tollerano tutto

Attenzione forcella ammortizzata e doppia sospensione non fanno miracoli. Perciò niente deliri di onnipotenza, tieni a mente che gli ostacoli in Mtb vanno sempre affrontati usando sia la tecnica che il lavoro delle sospensioni.

 

Il corpo si muove
Non esistono due o tre posizioni standard da tenere in sella ad una Mtb, la guida coinvolge tutti i muscoli, quindi l’unico consiglio valido è non irrigidirsi cercando di assecondare i naturali movimenti del corpo ed evitando di tenere la stessa posa per troppo tempo.

 

Portata da bere, acqua naturalmente
Per lo spritz c’è tempo, mentre si pedala solo tanta acqua e qualcosa da sgranocchiare al massimo.

 

Oddio, cosa mi metto
In questo caso la scelta è molto limitata ed i pezzi fondamentali sono essenzialmente 2: casco e calzoni con fondello. Il resto può tranquillamente aspettare.

 

Last but not least
Divertiti. Almeno se il tuo intento è che “lei” torni a pedalare con te. Ammetti errori ed imprevisti e vedrai che non c’è di meglio che riderne insieme.